sei in Riflessioni

  • Categoria: Il mare

Il mare mi parla, e canta

Quando l'estate aveva un suono familiare

di Gina Grechi

camogli spiaggia 1920

Se abitassi al mare, forse non aspetterai ogni anno l'estate con trepidazione. Il mare non sarebbe sinonimo di 'vacanze' e non avrebbe ancora lo stesso inconfondibile odore di acciughe sotto sale e 'protezione 50'. 

Leggi tutto

Casa di montagna

Un silenzio brulicante

di Gina Grechi

casa montagna 1920

Le montagne sono 'abbracciose'. Quelle che ti vengono incontro uscendo dall'ultima galleria di Lecco, verso la Valtellina, per me, hanno un piglio severo, ma accogliente e familiare.

Leggi tutto

  • Categoria: La notte

Addà passà 'a nuttata

Solo quello che vedi alla luce, continua ad esistere anche al buio

di Gina Grechi

moon 4003428 1920

«Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, silenziosa luna?»
Spesso, quando ero bambina, dopo aver salutato il crepuscolo, mi dilungavo ad osservare il cielo. La Luna mi sembrava sempre troppo triste.

Leggi tutto

  • Categoria: L’inferno

Dannati senza peccati

Smarriti nell'incognita di un presente incomprensibile

di Gina Grechi

dough 1605311 1280

Per andare all'Inferno, oggi, non si deve per forza morire, ma la cosa forse più sconvolgente è un'altra: per andare all'Inferno, oggi, non si deve per forza essere cattive persone.

Leggi tutto

Back to top
Condividi